Home » Indipendenza economica delle donne: un percorso gratuito per raggiungerla

Indipendenza economica delle donne: un percorso gratuito per raggiungerla

di Annarita Cacciamani
In Italia il 70% delle donne dichiara di avere ancora una scarsa conoscenza finanziaria. Per questo Manageritalia ha organizzato un ciclo di sei incontri online con l’obiettivo di migliorare l’indipendenza economica femminile.

Come gestire al meglio il proprio denaro, la previdenza e le proprie finanze, oltre a favorire un uso consapevole dei nuovi sistemi di pagamento elettronici e dell’home banking. Sono questi alcuni temi cardine del percorso di formazione gratuito di empowerment femminile “Donne e denaro in una relazione di crescita”, organizzato dal gruppo 3D Manageritalia delle regioni Emilia-Romagna, Puglia, Basilicata, Calabria e Campania, Marche e Piemonte in partnership con Banca d’Italia e in collaborazione con Cida, hub del territorio.

Il progetto, partito ad aprile 2024, si articola in un ciclo di sei incontri online della durata di un’ora e mezza ciascuno, ed è dedicato alle donne (ma aperto anche gli uomini). L’obiettivo è approfondire le principali tematiche al centro di una buona gestione della propria indipendenza finanziaria ed economica grazie agli interventi formativi curati dagli esperti di Banca di Italia. A partecipare oltre 200 donne residenti nelle cinque regioni coinvolte.

Il programma è stato pensato per migliorare e implementare l’educazione finanziaria e le competenze delle donne in merito alla gestione del budget e la pianificazione finanziaria, l’uso consapevole degli strumenti di pagamento elettronici, l’home banking e la sicurezza informatica, dall’avvio dell’impresa alla ricerca di finanziamenti, tutela dei rischi alla persona e alla famiglia, istruzioni per l’uso consapevole dei fondi previdenziali.

Donne e finanza: un connubio da potenziare

Gli appuntamenti di maggio e giugno 2024 sono dedicati a queste tematiche in particolare: uso consapevole degli strumenti di pagamento elettronici; home banking e sicurezza informatica; indebitarsi con prudenza, dall’avvio di impresa alla ricerca di finanziamenti; tutela dei rischi interni ed esterni alla persona e alla famiglia; uso consapevole dei fondi previdenziali.

«Grazie a questo corso, giunto alla sua seconda edizione, vogliamo mettere a disposizione di tutte le donne, e non solo, gli strumenti migliori per accrescere le proprie competenze in materia di gestione finanziaria.  Poiché maggiore è la propria cultura finanziaria, maggiori saranno le opportunità di costruire in maniera indipendente il proprio futuro come donna e professionista in qualsiasi settore come nella propria vita privata. Un progetto che contribuisce alla crescita delle donne e della società nel suo complesso», spiega Cristina Mezzanotte, presidente di Manageritalia Emilia-Romagna.

In Italia, infatti, secondo gli ultimi dati emersi dalla ricerca condotta da Mastercard con Banca d’Italia 7 donne su 10 dichiarano che uno dei loro obiettivi principali sia diventare economicamente indipendente. Il 66,4% delle intervistate ritiene di avere una minore indipendenza finanziaria rispetto agli uomini. Sempre il 70% delle donne dichiara di avere ancora una scarsa conoscenza finanziaria. Nello specifico, il 52,7% ha una conoscenza base e il 18,2% dice di non sapere proprio nulla. Una realtà che accomuna purtroppo tutte le fasce d’età. Il concetto che più si fatica a comprendere è quello di investimento (56,4%), seguito dal concetto di tasse (34,4%), nuove app di digital banking (29,6%) e mutui (22%).

Annarita Cacciamani

Photo cover: Canva Photo Team / Canva Studio Women

Ti potrebbe piacere

Lascia un commento

STYLE FINANCE
Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione. Cliccando su accetta si autorizzano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su rifiuta o la X si rifiutano tutti i cookie di profilazione. Cliccando su personalizza è possibile selezionare quali cookie di profilazione attivare.
Attenzione: alcune funzionalità di questa pagina potrebbero essere bloccate a seguito delle tue scelte privacy